Firenze d’agosto è strana la mattina

8.34 Firenze. Viale Torricelli. 12 Agosto.
Al semaforo che incrocia il viale del Poggio Imperiale.
Il sole, la mattina, Firenze deserta.
La strada, due file di pini marittimi, di marciapiedi, di ville, in perfetta simmetria dal centro all’esterno.
Una macchina davanti a me. Piuttosto scassata.
Ci fermiamo al semaforo. Silenzio.
Rotto da una musica che arriva da …
Il tipo davanti a me mette la testa fuori dal finestrino e io con lui. La sua è nera, pelata, grossa.
“.. sarà bello/da guardare/come un poster di James Deeeeean …”.
Guardiamo in giro e vediamo questa macchina giapponese accostata su un lato del viale. Portiera aperta, stereo a tutto volume.
“.. sarà dolce/la paura/sganciandosi i blu jeeeeeans …”.
Davanti alla macchina giapponese la proprietaria. Giapponese anche lei, pare. Con un vestito a righe orizzontali bianche e nere. I capelli lunghi. Lisci e neri ovviamente. Sta lì in piedi davanti alla portiera aperta e ascolta le predizioni di Masini a tutto volume, ma con distacco orientale.
“.. sarà grande come il mare/sarà forteeee come un Diooooo”.
Vibrano i vetri della macchina giapponese. Impassibile la proprietaria.
Il testone nero si gira. Mi guarda, ride e si batte un indice sulla tempia come dire “questa è matta”.
Scatta il verde. La macchina davanti parte.
“.. t’innamorerai/di un bastardo che/ti dirà bugieee/per portarti via da meeee”.
Io continuo a guardarmi intorno per capire dov’è la telecamera di Sorrentino.
Riparto.
Firenze d’agosto è strana la mattina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...